fbpx

L’ambiente di ascolto è spesso relegato ad un ruolo di secondaria importanza, forse per mancata conoscenza o semplicemente per pigrizia, eppure è il luogo in cui la musica viene riprodotta e arriva alle nostre orecchie, il suo modo di “suonare” dovrebbe essere valutato alla stessa stregua di una delle sorgenti che compongono il nostro impianto.

L’ambiente viene definito il primo elemento della catena audio e la sinergia ambiente di ascolto/orecchio è la più significativa, poiché questo potrebbe essere in grado di esaltare o mortificare anche il sistema audio migliore.
L’acustica è una cosa seria, vi sarà capitato di andare in un locale e di non riuscire a parlare con il vicino che sta a 50 cm da voi, è una situazione che si verifica abbastanza di frequente. Un ambiente curato dal punto di vista dell’acustica rende confortevole l’ascolto e anche il colloquio.

Il suono viaggia a 343 m/s e partendo dai vostri diffusori si spande verso l’ambiente circostante come un’onda. Questa è composta da infinite rette adiacenti che portano tutte lo stesso segnale. Una sola retta giunge direttamente dal punto di emissione al nostro apparato uditivo, tutte le altre torneranno al punto di ascolto dopo essersi riflesse e modificate in base alla forma e al materiale che hanno incontrato sul loro percorso.
Ciò che percepiremo sarà la somma di tutti questi segnali.
Il nostro cervello elaborerà i diversi segnali e il risultato potrebbe essere… un pò confuso!

Nei due disegni le linee rette mostrano come il suono che esce dal diffusore si propaga nell’ambiente.

La risposta di Astri

Astri è un’eccellenza Italiana che a partire dal 2004, ha impiegato importanti risorse nell’analisi delle sale d’ascolto per comprendere fino in fondo le problematiche legate all’ambiente.

Il metodo di correzione ambientale proposto da Astri è un metodo “analogico” che prevede l’uso di elementi assorbenti, riflettenti e diffondenti che siano in grado di variare non solo il tempo di riverberazione del locale (per riportarlo in un range considerato “ottimale”) ma soprattutto di controllare quanto più possibile i modi di risonanza che si sviluppano tra la sorgente del suono nell’ambiente (diffusori) e il punto di ascolto.
Questo non significa anestetizzare lo spazio ma renderlo il più naturale possibile, senza alterare il segnale originale.

La correzione acustica nell’ambiente

Senza correzione acustica

A Qt – pannello assorbente

D Qt – pannello diffondente

B Qt – trappola per i bassi

Qt line di Astri

La linea Qt line progettata da Astri ha visto il connubio tra designer, arredatori e l’ingegno di un competente team tecnico che ha dato vita ad un sistema completo capace di coprire, con un’unica forma personalizzabile, le differenti funzioni utili per la correzione acustica: assorbimento, diffusione e trappola per i bassi. Con la linea Qt si è evoluto il trattamento acustico secondo parametri che corrispondono ancora meglio alle esigenze del pubblico di appassionati o meno: l’invisibilità dei correttori in ambiente, l’efficacia degli elementi rispetto alla loro dimensione e la versatilità di utilizzo dei correttori.

Qt line – Custom fit

Per la linea custom non esistono prodotti standard ma ogni soluzione è studiata singolarmente e specificatamente per l’ambiente a cui è destinata. Non solo sale d’ascolto, sale registrazioni o locali preposti all’ascolto della musica ma anche bar, ristoranti, sale meeting e qualsiasi altro luogo d’incontro dedicato all’uomo può essere reso più confortevole. Attraverso pannellature, che possono essere in aderenza o in sospensione, è possibile controllare riverberi e risonanze trasformando il rumore in energia positiva.

Qt line – Panels

I pannelli Qt line hanno forma squadrata per una profondità totale di 5,5 cm. Sono realizzati, con un occhio di riguardo all’ecologia, con materiali completamente riciclabili e tenendo conto delle esigenze di utilizzo in ambienti abitati. La struttura portante è in legno e sono dotati di un fondo in cartone che garantisce l’isolamento dall’umidità oltre alla possibilità di essere appesi al muro come un quadro o al soffitto. Uno splendido tessuto con trattamento anti-macchia, disponibile in quattro colori, riveste il tutto e nasconde il cuore attivo e tecnologico del pannello.

Qt line – Traps

CornerBQt è una risposta semplice e funzionale al problema delle basse frequenze, pur mantenendo le stesse dimensioni dei suoi fratelli ha una versatilità superiore data dalla forma. Questa trappola per i bassi produce un cambiamento immediatamente avvertibile ogni qualvolta viene utilizzato, è di semplice installazione e la sezione triangolare del cornerBQt lo rende inoltre adattabile ad ogni ambiente.
Può essere posizionato in orizzontale nell’angolo tra pavimento e parete o appeso tra parete e soffitto, in verticale nell’angolo tra due pareti, può essere appoggiato a terra tra divano e poltrona, tra muro e libreria, sotto il divano o sopra a un mobile, utilizzato da solo o in alternativa combinato con più elementi.

Se desideri migliorare il tuo ambiente di ascolto rivolgiti a un rivenditore ASTRI. I rivenditori Home Vision che trattano ASTRI sono stati formati da chi progetta questi pannelli per offrirti tutte le informazioni e l’assistenza che servono ad ottimizzare un ambiente d’ascolto.

Leave a Reply